Calabria Saporita

Taralli Bolliti Calabresi

I Taralli sono Tipici di Tutta l'Italia Meridionale. Fino a qualche anno fa' , in tantissime famiglie , quando la diffusione dei biscotti non era così diffusa e capillare.Era normale  farli in casa e rappresentavano un alimento sempre presente, Anche per la facilita' di conservazione.E per la semplicita' della ricetta che ben si bilanciava con il risultato finale: durata nel tempo ,varieta' di utilizzo, prelibatezza.
Molto diffuso in tutta la regione.Le ricette sono simili ma tutte differenti una dall'altra.Nelle zone di montagna il condimento utilizzato era la sugna di maiale in altre il piu' pregiato Olio di Oliva Extravergine. La spezia  che ne'condizionava il sapore nelle zone piu' vicine al mare , era rappresentata dai semi di finocchio. Mentre nelle zone premontane,la spezia era rappresentata e lo e'ancora dai Semi di Anice Nero.Le versioni piu' comuni variano dal Salato a quello Dolce a quello Glassato .Il tarallo  in Calabria rappresenta un prodotto diffusissimo ; ve ne sono  di vari tipi:  bolliti e poi passati in forno, o solamente cotti in forno. Le forme originali  avevano  un peso intorno a 70/80 gr. Attualmente  essendo per lo piu' prodtti in panifici o pasticcerie, le misure variano da produttore a produttore.
La procedura una volta ,era abbastanza complessa.Infatti la preparazione prevedeva alcuni passaggi precisi ,in particolare in quelli salati.
Il giorno precedente alla cottura dei taralli salati, bisognava preparare la levatina.Infatti i taralli Calabresi Originali.Al contario dei tarallucci pugliesi, hanno necessita di crescere in volume.Pertanto era essnziale la lievitazione.Infatti non era raro, che le massaie Calabresi non infornavano per niente , se l'impasto non lievitava.
Alcune ricette non proprie antiche, ma riaggiornate ,utilzzano negli ingredienti anche altri elementi come il vino .Ma la ricetta che piu' e' strettamente legata alla Calabria , prevede:
Farina 0,Olo Extravergine di Oliva,Levatina,Acqua, Sale ,Semi di Anice Nero della Sila ,uovo intero. Forno a Legna.
I Taralli Calabresi, per essere tali, non devono essere eccessivamente friabili.Anzi piuttosto croccanti. infatti la cottura va fatta o al forno a legna. O in alternativa , con forno eletrico, prima a temperatura 180/200° e poi finiti con temperatura intorno a 220° 
I taralli  vengono realizzati   anche con peperoncino, origano, semi di anice o polvere di anice stellato. La ricetta originale  che segue è quella dei taralli bolliti e poi cotti in forno. Questo  sistema di cottura  fa si che il tarallo abbia  una friabilità maggiore.

Ma vediamo come realizzare i nostri taralli croccanti e friabili, che – una volta pronti e raffreddati – potremo conservare in una scatola ben chiusa anche per molte settimane.
Variante con la Nduja la presenteremo in avanti

Possono essere conservati fino a 30 giorni e nache oltre.Sono Buonissimi nel Caffe'', nel latte ,nel vino e anche nella granita di mandorle.


Ingredienti:

kg 1  di farina
 acqua
3 cucchiai grandi di Olio Extravergine di oliva 
Una presa di sale
5 gr di semi di Anice Nero della Sila

Preparazione:

 All'interno di un capiente contenitore versare la farina aggiungre l'acqua e la Levatina preparata il giorno precedente.Miscelare e aggiungere l'olio.Regolare con la farina la densita' dell'impasto dopo aver aggiunto l'uovo,Aggiungere i  Semi di Anice e mischiare il tutto
Se l’impasto risultasse troppo morbido, aggiungere un altro po' di farina..Con l'mpasto creare un rotolo non eccessivamente grande.Affettare a strisce il rotolo e creare con ogni striscia, aiutantosi sul piano in legno e con un po' dai farina,creando dei rotolini piu' piccolie non eccessivamente lugnhi massimo 25 cm. 
Congiungere l'estremita' di questo bastoncino, non proprio nell'ultimo lembo dei lati, ma un 2 cm. prima della fine.  La consistenza deve essere tale da consentire la realizzazione di un rotolino lungo a secondo di quanto grande vogliamo fare i nostri taralli.
Fatto cio' i  Taralli calabresi, vanno lasciati a riposare per consentire la lievitazione.
Controllato che i taralli cominciano a lievitare, crescendo di dimensioni. Va effettuata una prova che i taralli sono pronti per essere passati nell'acqua bollita.
Si prende un Tarallo  e si immerge nell'acqua bollente.Se questo sale subito a galla significa che i taralli sono lieviti e che si puo' andare avanti.Altrimenti bisogna ancora attendere che i taralli crescano ancora. 
Passati nell'acqua bollente tutti i taralli uno per volta  e  adagiateli  per asciugare. Sistemateli  su una teglia in modo non troppo attaccati uno con l'altro.E con il forno preriscaldato a 180°  infornateli per 10/15 minuti e per ulteriori 5 minuti a 200 °



facebook

SHOP

SCOPRI IL NOSTRO SHOP DI PRODOTTI TIPICI CALABRESI

LEGGI DI PIÚ

OFFERTE

I MIGLIORI PRODOTTI DELLA CALABRIA IN OFFERTA SELEZIONATI PER TE

LEGGI DI PIÚ

PICCANTE

SCOPRI TUTTI I PRODOTTI PICCANTI DEL NOSTRO SHOP

LEGGI DI PIÚ

EVENTI

EVENTI GASTRONOMICI A BASE DI PRODOTTI TIPICI CALABRESI

LEGGI DI PIÚ

CURIOSITÀ

CURIOSITÀ LEGATE AL MONDO DEI PRODOTTI TIPICI CALABRESI

LEGGI DI PIÚ

CESTI & PACCHI

CESTI E PACCHI CON I NOSTRI PRODOTTI TIPICI

LEGGI DI PIÚ
Facebook Instagram Youtube

Calabria Saporita è un marchio di Tommaso Mangiacasale
P.Iva 01980130791
Piazza Margherita, 8 Gimigliano CZ 88045
© 2019 All rights reserved